ACCORDO SUL PERSONALE DELLA PROVINCIA - SPOSTATI 50 MILA EURO DAL FONDO DEI DIRIGENTI A QUELLO DEI DIPENDENTI

Riorganizzazione dell’Ente, nuovi uffici : Istituzione della centrale unica di committenza e sportello fondi europei

Silvia Chiassai Martini : si rafforza la struttura rilancio dell’ente, ottimizzare la macchina amministrativa per dare risposte concrete ai cittadini. Spostati 50 mila euro dal fondo dei dirigenti a quello dei dipendenti per garantire un’equa distribuzione delle risorse verso tutti, che in questi anni dopo la riforma Delrio hanno sopportato grossi sacrifici. Una nuova struttura organizzativa che prevede anche l’istituzione di due nuovi servizi : la Centrale Unica di Committenza, lo Sportello Fondi Europei per i Comuni del territorio e utenti.

Lo scorso 20 maggio, la Provincia di Arezzo ha sottoscritto con la delegazione sindacale il Contratto Collettivo Decentrato Integrativo (C.C.D.I.) relativo all’anno 2019. Con questo contratto si da applicazione al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (C.C.N.L.) delle Funzioni Locali del 21.5.2018 e, in particolare, è stato prevista la quantificazione delle indennità di rischio, disagio, maneggio valori e reperibilità, che – al fine di valorizzare il gravoso lavoro soprattutto dei Servizi Viabilità ed Edilizia dell’Ente - sono state sensibilmente incrementate rispetto al passato. E’ stata altresì definita l’indennità di servizio esterno per il personale della Polizia Provinciale e sono stati concordati – e siamo stati tra i primi enti a farlo con apposito Regolamento - i criteri per la pesatura e per il conferimento degli incarichi di Posizione Organizzativa. In particolare, considerato che il Fondo complessivo per il salario accessorio dei dipendenti della Provincia è composto dalla somma dei Fondi per i Dirigenti, per le Posizioni Organizzative e per il personale, al fine di operare una distribuzione più equitativa di tali risorse e per dare un riconoscimento al personale, è stato applicato il principio dei cd. “vasi comunicanti”, in modo da spostare circa 50.000 euro dal Fondo dei Dirigenti a quello dei dipendenti. Con Decreto della Presidente n. 61 del 2.5.2019 si è dato avvio alla nuova struttura organizzativa dell’Ente, composta da 4 Settori e 16 Servizi, più funzionale per gli obiettivi strategici dell’Amministrazione. La dotazione organica della Provincia è composta attualmente da n. 184 dipendenti, con 33 posti vacanti. Tale carenza di personale potrebbe aggravarsi in seguito alla possibile adesione del personale al collocamento a riposo, in virtù della cd. “quota 100”, attualmente richiesta solo da n. 3 dipendenti, ma alla quale potenzialmente potrebbero ricorrere, avendone i requisiti, n. 11 dipendenti che si aggiungerebbero ai 9 pensionamenti che si verificheranno nel corso dell’anno 2020. Proprio al fine di sopperire a tale situazione, che potrebbe compromettere servizi essenziali per la cittadinanza, sono in corso di svolgimento n. 5 Concorsi per l’assunzione complessiva di 11 dipendenti. Nei prossimi giorni sarà inoltre definito il Piano Triennale dei Fabbisogni, sulla base del quale saranno attivate ulteriori procedure concorsuali pubbliche.