Un incontro nel quale si è iniziato a tracciare un percorso condiviso per essere pronti ad accogliere in sicurezza studenti e lavoratori alla riapertura delle scuole a settembre. Questo il commento della Vicepresidente Silvia Chiassai Martini, che è intervenuta oggi in videoconferenza alla Cabina di Regia de Ministero dell’Istruzione sull’ edilizia scolastica. Due i temi prioritari

su cui l’UPI ha richiesto l’attenzione del Ministro Azzolina e della Viceministro Ascani: lo sblocco delle risorse stanziate dalla Legge di Bilancio e procedure accelerate, così da potere aprire subito i cantieri per garantire che le scuole siano pronte a settembre e la definizione di un protocollo sanitario di sicurezza, condiviso con il Comitato di Esperti del MIUR, che detti le indicazioni per la riapertura in sicurezza delle 7.400 scuole secondarie superiori. “Azzolina ed Ascani– dichiara Chiassai Martini – hanno assicurato già dalla prossima riunione la presenza di Patrizio Bianchi, il Presidente del Comitato degli esperti. Questo permetterà quel raccordo saldo tra tecnici e politica che ci consentirà di trovare soluzioni condivise ed immediatamente operative, non si può più aspettare, le famiglie hanno bisogno di certezze e servizi già dal mese di giugno. La ripresa del lavoro sta già ponendo grossi problemi nella gestione dei figli che non possono stare con i nonni ed hanno bisogno, dopo due mesi chiusi in casa, di riprendere una socializzazione che in questa fase di vita è fondamentale per loro, ma con un’organizzazione diversa che permetta la sicurezza. Attendiamo direttive chiare già dal prossimo incontro perché si possa procedere immediatamente ad una riorganizzazione degli spazi per accogliere in sicurezza i bambini ed offrire servizi a sostegno delle famiglie.

Questo sito NON utilizza cookies di profilazione, utilizza invece cookies tecnici e di terze parti. Per conoscere quelli utilizzati e la loro disabilitazione consulta l'Informativa completa. Cliccando su Accetto o proseguendo nella navigazione del sito (click, scroll, etc.), presti automaticamente il consenso al loro utilizzo.